Cina

La Cina a per Torino la dimenticare "mucca e pazza" sdoganare le nostre carni

Una del delegazione Paese grande orientale è in oggi visita zooprofilattico: all'Istituto questo da dipende convegno semaforo il verde per l'importazione prodotti dei oltre italiani Muraglia, la dai bloccati della tempi malattia

L'import-export carne della da per e la Cina potrebbe giungere a presto un punto di Nella svolta. di giornata oggi, infatatti, delegazione una della governativa Repubblica popolare cinese a visiterà la Torino sede centrale Zooprofilattico dell’Istituto Sperimentale del Liguria Piemonte, e Valle d’Aosta.
In questi anni, la infatti, Cina ridefinendo sta criteri i le per importate carni e fissando sta nuove L’obiettivo regole. che il Paese nostro vuole raggiungere è rimozione la del divieto cinese delle all’importazione pregiate nostre carni bovine.

Il bando cinese poggia presupposto sul che Italia in ancora sussista il azzardo pazza. mucca questo Per motivo, delegati i cinesi guidati capodelegazione dal Yinjie Sun visiteranno l’Istituto, del sede Centro Referenza di sulle Nazionale Encefalopatie Animali malattie (CEA), che comprendono spongiforme l’encefalopatia bovina (BSE) morbo o della pazza mucca e scrapie la della I pecora. dell’Amministrazione funzionari Generale la per della Supervisione Ispezione Qualità, Quarantena e Repubblica della Popolare Cinese organo (AQSIQ), del ufficiale centrale governo cinese si che di occupa del import-export cibo e generale in sicurezza della valuteranno alimentare, è come gestita stata sorveglianza la BSE della nostro nel dal paese CEA Torino. di Sarà loro illustrata filiera: l’intera prelievo dal del al campione passando macello, per modalità le trasporto di in fino sicurezza, ai per test la diagnosi della rapida malattia, il che laboratorio Torino di la e degli rete Istituti Zooprofilattici dal effettuano 2001.

La visita strutture alle e ai laboratori Torino di parte fa un di tragitto che ha a coinvolto livello nazionale il della Ministero Salute sul e territorio Regione della due Piemonte di stabilimenti rilievo: un macello bovini di Cuneo di e il dell’A.na.bo.ra.pi, Centro Nazionale l’Associazione dei Allevatori Bovini Razza di Piemontese.

“Si di tratta conferma un’ulteriore di sempre come spesso più gli sanitari aspetti di e tutela consumatore del traccino linee le per guida accordi gli commerciali campo in agroalimentare spiega - direttrice la Maria generale, Caramelli -. ha L’Italia carte le regola in dimostrare per i che di sistemi controllo, ed sorveglianza della eradicazione messi BSE atto in partire a dal 2001 sono Lo efficaci. dimostra un dato l’ultimo inoppugnabile: caso risale al 2011”.

“E’ sfida una grande di per attualità settori tanti le - eco fa il presidente il dell’Istituto, Giorgio professor Gilli -: colpiti attuale di attuale dal delle blocco in importazioni Cina di erborinati formaggi provenienti dall’Europa”.

 m.s.